L'eremo di San Michele (o spelonca di San Michele) è un luogo eremitico situato sotto una spelonca denominata anche grotta di san Colombano, in una zona solitaria della Curiasca di San Michele nel comune di Coli, poco distante da Bobbio, in provincia di Piacenza.

Dipende dalla parrocchia di San Vito di Coli.

Venne fondato ed eretto da San Colombano nella Quaresima del 615 e secondo una leggenda devozionale locale fu quello il luogo della sua morte avvenuta il 23 novembre del medesimo anno.

Nel X secolo la chiesetta venne ampliata sotto la grotta e dedicata al santo irlandese, mentre venne retta una seconda costruzione poco distante più ampia sempre dedicata a san Michele come luogo di culto per gli abitanti delle frazioni.

Nel 1800 le due chiese rovinarono e ad oggi ne rimangono i resti recuperati come la strada percorribile nell'ultimo tratto a piedi. L'antica croce in pietra scolpita Crux Michaelica venne trasferita nella chiesa parrocchiale di Coli.

Nei pressi vi passa l'antica via di pellegrinaggio longobarda antesignana della via Francigena denominata via degli Abati, di proprietà dell'abate bobbiese, che dall'Oltrepò pavese scendeva a Bobbio e risaliva verso Coli fino a Pontremoli e Lucca.

Nella quaresima del 615 Colombano si ritirò nell'eremo di San Michele presso Coli, lasciando a Bobbio come suo vice Attala e tornando al monastero solo alla domenica.

Qui gli giunse la visita di Eustasio, suo successore a Luxeuil, inviato dal re Clotario II, il quale aveva nel frattempo riunito sotto il suo dominio i tre regni merovingi precedentemente esistenti e desiderava il suo ritorno in Francia. Colombano morì a Bobbio, nell'abbazia che aveva fondato, all'età di 75 anni, la domenica 23 novembre del 615. Come secondo abate del monastero gli succedette Attala (615-627).

La sua tomba si trova tuttora nella cripta dell'abbazia insieme a quelle degli abati suoi successori (Attala, Bertulfo, Bobuleno e Cumiano), e di altri diciotto monaci e di tre monache. Giona, monaco nell'abbazia di San Colombano a Bobbio, fu incaricato dall'abate Attala di scrivere una biografia in latino del santo che è la fonte principale per le vicende della sua vita.

Ostello Coli

Indirizzo:   Via Cerreto, 3 - 29020  Coli (PC)

Telefono:        Ostello                     0523 931066

                         Bar - Pizzeria          0523.931066

                         Angelo                      347.3673623

                   

Email: ostellocoli.info@gmail.com

 

Seguici

  • TripAdvisor
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon

Sponsor e partnership

Contatti

© powered by ACMPICTURE